“Tempo al Tempo…”

ovvero Il Metodo Ancestrale

tempo al tempo metodo ancestrale ferrettiviniE’ il progenitore del Metodo Classico, nato in Francia per la produzione dei primi Champagne, quando in assenza di tecnologie adeguate, era la Natura a dettare i tempi del vino: gli ultimi residui zuccherini,
in letargo durante l’inverno, con i primi calori primaverili si trasformano in alcool dando luogo alla rifermentazione naturale in bottiglia

Secondo la tradizione reggiana, lo stesso metodo viene applicato alla vinificazione del nostro Lambrusco per poter rispettare i principi di semplicità e naturalezza.

 

 

vendemmia ferrettivini vinificazioneNegli ultimi anni tuttavia l’assenza del vero freddo invernale determina la completa fermentazione gli zuccheri, pertanto affinché avvenga la rifermentazione occorre aggiungere una parte del nostro mosto, conservato grazie al freddo artificiale che ha lasciato inalterata la sua ricchezza di lieviti e composizione organolettica.

Quindi, dopo la prima completa fermentazione in acciaio, SENZA l’uso di lieviti selezionati, coadiuvanti e filtrazioni, segue la rifermentazione in bottiglia, in cui l’attività dei lieviti indigeni porta alla formazione di un lieve deposito, indice di schiettezza e genuinità.

 

cantina affinamento ferrettivini lambrusco ancestraleCosì nasce il nostro Lambrusco, definito anche “senza tempo”, per il quale è fondamentale l’affinamento in un ambiente ideale come la nostra cantina per almeno 6 mesi sui propri lieviti in modo da renderlo molto più longevo rispetto ai vini prodotti in autoclave e pertanto meno ossidabile da richiedere bassi contenuti di solfiti.

Per questo senza fretta occorre lasciare al vino il tempo necessario per esprimere il meglio di se, sviluppando un gusto autentico e un’invidiabile complessità aromatica.